12 maggio 2003

Da Bari. "Padre Dante non sapeva che poi ci sarebbero state canzoni come 'Avanti popolo; anche nella musica c'é posto per la cattiveria"

Udine, campagna elettorale per le elezioni del Friuli Venezia Giulia. 11 maggio 2003

«Questa sinistra è pericolosa per la democrazia e la libertà. Difendere la libertà significa non consentire a chi è ed è stato comunista di poter prendere il governo e salire al potere».
«La sinistra agisce grazie al collateralismo di un manipolo di magistrati combattenti»
«Ma noi dobbiamo essere sereni perché i nostri avversari sono allo sbando, un magma... Uniti solo quando si tratta di offendere Silvio Berlusconi».
«Questi signori dell´opposizione sono ancora irresistibilmente attratti da tutto ciò che democratico non è sentono un attrazione fatale verso tutte le dittature e i dittatori... Non possono allontanare da sé l´ombra della complicità morale indiscutibile avuta in tanti anni di comunismo con tutti gli efferati delitti di questo regime».
«Abbiamo una moralità di un livello così elevato che non possono nemmeno percepirlo»
«Noi al massimo ricorriamo all´ironia, non all´odio che questi signori dell´opposizione esprimono anche attraverso gestacci che ci vengono rivolti quando passiamo fuggevolmente in auto dandoci un vero dolore»
«Bisogna assolutamente intervenire per dare al premier l´autorità istituzionale che dovrebbe avere dopo le amministrative il tema dovrà entrare di prepotenza nel carnet delle riforme».

«La sinistra è una cosa grigia e triste che quando la mattina si guarda allo specchio si è già rovinata la giornata».
Riabilita, tra gli applausi, l’ex ministro Scajola, costretto un anno fa alle dimissioni per aver dato del «rompicoglioni» a Marco Biagi, ucciso dalle Br a Bologna: «Da galantuomo - afferma il premier -, Scajola ha dato le dimissioni per una parola dal sen fuggita...». Aggiungendo: «Una parola che non era campata in aria, ma che nasceva da una serie di suggestioni che gli erano state rivolte».

Rai, il Premier a Excalibur, intervistato da Socci. 9 maggio 2003

«Bisogna affrontare il tema con sedute apposite in Parlamento. Io prenderò la parola, farò un intervento pacificatore ma di pacificazione armata contro una certa opposizione»
«I Giudici, quelli combattenti e politicizzati sono un cancro da estirpare»
«Il comunismo che ha portato terrore miseria e morte nel mondo»
«Mi ricordo quando facevo l´imprenditore e presentavo delle domande di licenze al Comune di Milano. Era un calvario, dovevi andare e far passare la pratica da un ufficio all´altro e qualche volta ci dovevi andare con l´assegno in bocca».
«Sapete che ho intenzione di continuare a governare. Questo è un regime, quindi non so nemmeno quanto durerà. La cosa drammatica è che è un regime per me, contro di me. Sono sotto la cappa del regime anche se le prendo tutte in testa».
«Caro presidente Ciampi, lei ha ragione. Il clima politico non è dei migliori, ma non è colpa mia».